Storia e competenze USSM

L’UFFICIO  SERVIZIO SOCIALE  MINORENNI   DI  TARANTO (U.S.S.M. )

Sede :  Vico Sant’Agostino 1  -   74123   Taranto

 

Contatti :

telefono 099 - 4706054

fax  099 - 4709404

email :  ussm.taranto.dgm@giustizia.it

 

 

Storia  e  attuali  competenze

Con la legge n. 1085 del 1962 nascono gli UDSSM, gli Uffici Distrettuali di Servizio Sociale per i Minorenni del Ministero di Grazia e Giustizia, uno presso ciascuna sede di Corte d’Appello (o sezione di Corte d’Appello). Nel 1989 gli UDSSM assumeranno la denominazione di Uffici di Servizio Sociale per i Minorenni (USSM).

Nel 1994 si costituisce a Taranto una sezione di Corte d’Appello e viene quindi istituito, il 28 giugno dello stesso anno, il Tribunale per i Minorenni.

Conseguentemente a Taranto nasce un USSM “autonomo” da Lecce (con gli stessi operatori che già lavoravano da anni sul territorio jonico come sede staccata dell’ufficio salentino), la cui sede, inizialmente in corso Umberto 15, si trasferisce in vico Sant’Agostino 1 (nell’ex-istituto scolastico “Nitti”).

Il DPR n. 448/1988, modificato dal D.Lgs. n. 12/1991, disciplina il processo penale a carico dei minorenni. Per la prima volta l’ordinamento si dota di una normativa penale “ad hoc” per i minorenni, con apposite disposizioni di attuazione (il D.Lgs. n. 272/89).

Alcuni punti fondamentali della nuova normativa, che coinvolgono direttamente gli USSM, sono:

-     il minore deve comprendere il significato, il contenuto e le ragioni delle decisioni del giudice (art. 1);

-     l’Autorità Giudiziaria si avvale dei Servizi Sociali del Ministero della Giustizia e di quelli degli Enti Locali (art. 6);

-     l’Autorità Giudiziaria acquisisce elementi circa la personalità, la condizione familiare e ambientale, le risorse e le esigenze educative del ragazzo (art. 9);

-     l’imputato minorenne ha diritto all’assistenza psicologica in ogni fase del processo (art. 12).

Particolarmente significativo è poi l’articolo 28, che prevede la sospensione del processo e la messa alla prova sulla base di progetti elaborati dal Servizio.

L’USSM di Taranto esercita le proprie competenze – su mandato dell’Autorità Giudiziaria - in relazione a minori domiciliati in provincia di Taranto e per l’intera durata dei  procedimenti penali cui sono sottoposti, che possono continuare, se non definiti, anche oltre il compimento del 18° anno per reati commessi in età imputabile.

 

La legge n. 64/94 attribuisce ai Servizi della Giustizia Minorile anche competenze in materia di sottrazione internazionale dei minorenni (i figli contesi, dopo la separazione, da un coniuge italiano ed uno straniero). Su richiesta dell’Autorità Giudiziaria, si dovrebbe dare esecuzione ai provvedimenti emanati in questa delicata materia, in particolare rispetto alla disciplina delle visite del genitore straniero.

 Gli interventi dell’USSM di Taranto in questo ambito risultano rari.

 

L’art. 11 della legge n. 66/96 (“Norme contro la violenza sessuale”) attribuisce agli USSM un’altra competenza atipica: ai minorenni vittime di abusi o violenze sessuali “è assicurata l’assistenza dei servizi minorili dell’Amministrazione della giustizia” (oltre che dei servizi degli enti locali).

Solo in tale contesto normativo gli assistenti sociali dell’USSM si occupano di minorenni vittime (e non autori) di reato, collaborando con le forze dell’ordine e sostenendo i minori abusati durante tutti gli ascolti protetti e le fasi giudiziarie.

 

Il 17 febbraio 2006 il Dipartimento Giustizia Minorile del Ministero ha emanato una nuova Circolare (n. 5351) che disciplina l’organizzazione e la gestione tecnica degli Uffici di Servizio Sociale Minorenni,  aggiornando una circolare del 1996.

 

L’USSM segue gli studenti universitari per tirocini professionali di servizio sociale solo se sussiste specifica convenzione tra il Centro Giustizia Minorile e l’università.

Inoltre tesi sul fenomeno della devianza minorile, sugli abusi sessuali e più in generale sui minori ed i servizi sociali si sono avvalse dei dati e della consulenza dell’USSM di Taranto.

Il personale dell’USSM di Taranto è attualmente composto da un direttore, 5 assistenti sociali e 5 amministrativi.

 

 

 

IL CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA  (CPA)  DI  TARANTO

Sede :  Vico Sant’Agostino 1  -  74123   Taranto

 

Contatti : 

telefono  099 - 4709383

fax  099 - 4709383

email :  cpa.taranto.dgm@giustizia.it

 

 

Storia  e  attuali  competenze

Nell’ottobre 1995 si inaugura ufficialmente il Centro di Prima Accoglienza (CPA) di Taranto, ossia la struttura in cui – ai sensi del DPR n. 448/88 – sono ristretti i minori colti in flagranza di reato per un massimo di 48 ore a partire dall’arresto o dal fermo e di altre 48 ore a partire dalla richiesta di fissazione di udienza di convalida da parte del pubblico ministero.

La durata massima di permanenza in CPA è dunque di 96 ore entro le quali attraverso udienza di convalida il GIP, dimettendo il minore dalla struttura, può disporre l’applicazione di una misura cautelare tra quelle previste dal DPR 448/88 (custodia cautelare in carcere minorile, collocamento in comunità, permanenza in casa, prescrizioni).

Il centro di prima accoglienza è istituzionalmente differente dai centri di pronta accoglienza, ossia le comunità o le case-famiglia che accolgono  in ambito di competenza civile.

Il CPA di Taranto dispone di 4 posti per ragazzi di sesso maschile; l’unico CPA femminile regionale è a Bari.

A Taranto non v’è  Istituto Penale  Minorile (carcere minorile) per cui si ricorre a quelli più vicini di Bari e Potenza; quello di Lecce, dopo sospensione non è stato riattivato. Il più vicino IPM femminile più vicino è  a Napoli.

Il personale del CPA di Taranto è composto attualmente da un direttore,  un coordinatore di polizia penitenziaria, 5 agenti di polizia penitenziaria, 3 educatori e un amministrativo.

 

 

Come raggiungere l’USSM e il CPA di Taranto

Vico Sant’Agostino si affaccia su piazza Castello, nella città vecchia di Taranto,  e dista quindi pochi metri dal Municipio e dal Castello Aragonese.

L’USSM e il CPA sono dunque facilmente raggiungibili da ogni quartiere della città con gli autobus dell’AMAT.

Dalla zona orientale di Taranto, ossia dai quartieri Talsano, San Vito Lama, Solito Corvisea, Salinella, Italia Montegranaro, Tre Carrare Battisti e Borgo (nonché dal Comune di Leporano), è possibile raggiungere l’USSM e il CPA con le linee 1/2, 3, 8, 14, 16, 20, 21, 27, 28 scendendo alla fermata Discesa Vasto.

Dalla zona occidentale di Taranto, ossia dai quartieri Tamburi e Isola Porta Napoli , è possibile raggiungere l’USSM e il CPA con le linee 1/2, 3, 8, 14, 16, 20, 21, 27, 28, scendendo alla fermata di piazza Castello.

Dal quartiere Paolo VI, da Lido Azzurro e da Statte (linee 4, 11, 15, 17) è necessario scendere alla stazione ferroviaria o al porto mercantile e prendere un altro autobus (1/2, 3, 8, 14, 16, 20, 21, 27, 28) fino a piazza Castello.

 

L’USSM e il CPA di Taranto sono direttamente raggiungibili anche da alcuni Comuni della provincia (Ginosa, Laterza, Palagianello, Palagiano, Massafra, Mottola, Martina Franca, Crispiano) serviti da autolinee (SITA, Sud Est) che effettuano la fermata in piazza Castello. Si consiglia, comunque, di consultare in proposito le aziende di trasporti.

 

Dalla stazione ferroviaria di Taranto è possibile servirsi degli autobus AMAT n. 1/2, 3, 8, 14, 16, 20, 21, 27, 28, scendendo alla fermata di piazza Castello. In stazione occorre fare attenzione alla direzione dei mezzi stessi dato che vi sono due fermate per le stesse linee (una, quella al centro del piazzale) collega la stazione al centro e dunque all’USSM/CPA; l’altra (quella all’inizio del viale) collega la stazione alla periferia occidentale.